Calcolo dell'induttanza

Bobine cilindriche ad unico strato ed a spire serrate
indsok.xlsx
Tabella Microsoft Excel 143.7 KB

Il file contiene due sezioni: la sezione di Input e quella di Output.
In quella di Input  introduco il valore dell'induttanza desiderato, il diametro delle spire da non confondere col diametro del filo da utilizzare e la lunghezza della bobina.
In quella di Output leggo il numero delle spire  ed il diametro del filo da utilizzare.
Qualora volessi modificare il diametro commerciale posso utilizzare la funzione di EXCEL  "RICERCA OBIETTIVO", scivendo nella sezione "IMPOSTA CELLA" la cella F5, nella sezione" AL VALORE" il valore del diametro del filo voluto e nella sezione "CAMBIANDO CELLA" la cella E8, se voglio variare la lunghezza della bobina, oppure E5 se voglio variare il valore dell'induttanza.

 

 

 

bobine cilindriche ad unico strato ed a spire larghe
indl ok.xlsx
Tabella Microsoft Excel 212.4 KB

Il file contiene due sezioni: la sezione di Input e quella di Output.
In quella di Input  introduco il valore dell'induttanza desiderato, il diametro delle spire, la lunghezza della bobina ed il diametro del filo da utilizzare.
In quella di Output leggo il numero delle spire  del filo da utilizzare ed il passo delle spire.
Qualora volessi modificare il passo delle spire posso utilizzare la funzione di EXCEL  "RICERCA OBIETTIVO", scivendo nella sezione "IMPOSTA CELLA" la cella M4, nella sezione" AL VALORE" il valore del passo voluto e nella sezione "CAMBIANDO CELLA" la cella F8.
Utilizzando la funzione "RICERCA OBIETTIVO" posso utilizzare questo file anche per le bobine a spire serrate ponendo uguale a zero il valore della cella M4.
In questo caso i valori ottenuti sono molto vicini a quelli calcolati con il file inds.xls relativo alle "Bobine ad unico strato ed a spire serrate".

 

 

 

Rapporto ottimale lunghezza bobina / diametro spire

nelle bobine cilindriche

fig.1
fig.1

In una bobina cilindrica, il rapporto ottimale Lb/D (fig.1) è pari a 0,45.

Si può dimostrare infatti che questo rapporto  rende minima la resistenza Rs e massimo il fattore di merito o di qualità Q.

 

Bobine quadro a spirale solenoide
indl.xlsx
Tabella Microsoft Excel 290.0 KB

Il file contiene due sezioni: la sezione di Input e quella di Output.
In quella di Input  introduco il valore dell'induttanza desiderato, il diametro  del cerchio equivalente, la lunghezza della bobina ed il diametro del filo da utilizzare.
In quella di Output leggo il numero delle spire  del filo da utilizzare ed il passo delle spire.
Qualora volessi modificare il numero delle  spire posso utilizzare la funzione di EXCEL  "RICERCA OBIETTIVO", scivendo nella sezione "IMPOSTA CELLA" la cella F22, nella sezione" AL VALORE" il numero voluto delle spire e nella sezione "CAMBIANDO CELLA" la cella G5 se voglio cambiare il valore del diametro del cerchio equivalente  oppure la cella  F5 se voglio variare l'induttanza.

I valori ottenuti concordano con quelli misurati dal sottoscritto su antenne quadro con lato del quadrato fino a 80 cm.

Lo strumento utilizzato per le misure è l'induttanzimetro:

 DIGITAL LC METER  DM -6243L.

  Il diametro  equivalente è quello del cerchio avente cironferenza pari al perimetro del quadrato ( antenna quadro).

Ottenuto il diametro equivalente per i calcoli si utilizza la formula usata per le bobine cilindriche a spire larghe.

 

Bobine quadro a spirale piatta
indp.xlsx
Tabella Microsoft Excel 278.9 KB

Il file contiene due sezioni: la sezione di Input e quella di Output.
In quella di Input  introduco il valore dell'induttanza desiderato, il diametro del cerchio equivalente, la lunghezza della bobina ed il diametro del filo da utilizzare.
In quella di Output leggo il numero delle spire  del filo da utilizzare ed il passo delle spire.
Qualora volessi modificare il numero delle  spire posso utilizzare la funzione di EXCEL  "RICERCA OBIETTIVO", scivendo nella sezione "IMPOSTA CELLA" la cella F22, nella sezione" AL VALORE" il numero voluto delle spire e nella sezione "CAMBIANDO CELLA" la cella G5 se voglio cambiare il valore del diametro del cerchio equivalente, oppure la cella  F5 se voglio variare l'induttanza.

I valori ottenuti concordano con quelli misurati dal sottoscritto su antenne quadro con lato del quadrato fino a 80 cm.

Lo strumento utilizzato per le misure è l'induttanzimetro:

 DIGITAL LC METER  DM -6243L.

Il cerchio equivalente è quello che ha diametro intermedio fra quello del cerchio "grande" e quello del  cerchio "piccolo" di figura.

Ottenuto il diametro equivalente per i calcoli si utilizza la formula usata per le bobine cilindriche a spire larghe.

 

 

Bobine a tela di ragno
indr.xlsx
Tabella Microsoft Excel 22.7 KB

Il file contiene due sezioni: la sezione di Input e quella di Output.
In quella di Input  introduco il valore del diametro del conduttore, del diametro massimo delle spire e del diametro minimo delle spire.
In quella di Output leggo il valore dell'induttanza.
utilizzando la funzione di EXCEL  "RICERCA OBIETTIVO", posso precedere all'inverso, cioè fissare l'induttanza e far variare uno degli elementi di input.
Per il calcolo dell'induttanza si è utilizzata la formula:
L=0,55 x D3 x n2 x k / 1000.
La formula è proposta dal Montù nel testo "RADIO" -HOEPLI 1929-.

Bobine a fondo di paniere
indr (2).xlsx
Tabella Microsoft Excel 62.2 KB

Il file contiene due sezioni: la sezione di Input e quella di Output.
In quella di Input  introduco il valore del diametro del conduttore, del diametro massimo delle spire e del diametro minimo delle spire.
In quella di Output leggo il valore dell'induttanza.
utilizzando la funzione di EXCEL  "RICERCA OBIETTIVO", posso precedere all'inverso, cioè fissare l'induttanza e far variare uno degli elementi di input.
Per il calcolo dell'induttanza si è utilizzata la formula:
L=0,55 x D3 x n2 x k / 1000.
La formula è proposta dal Montù nel testo "RADIO" -HOEPLI 1929-.

bobine Lorenz

fig.2
fig.2

La bobina Lorenz ha la forma di un ennagono ma potrebbe averla anche di un ettagono.

La sua costruzione è semplice .

Su una tavoletta di legno o altro materiale si traccia un ettagono o un ennagono come in fig. 2.

ai vertici si infiggono delle asticelle in legno o altro materiale ed intorno ad

esse si avvolge il filo di rame smaltato o ricoperto in seta, seguendo l'andamento delle frecce di fig.2 .

Dopo aver avvolti il numero di spire necessario per ottenere l'induttanza desiderata con della colla si bloccano i punti di intersezione delle spire; si tolgono poi le asticelle prima infisse e si libera la bobina..

Io nelle mie realizzazioni ho utilizzato filo litz  e come colla il vinavil.

Per il calcolo dell'induttaza possiamo in prima approssimazione supporre che questa sia uguale a quella di una bobina cilindrica a spire distanziate con diametro Dpari a circa 0,95 DL