Doc

ad1 - radio ad amplificazione diretta, a reazione, ad una valvola ed ascolto in cuffia - autocostruita.

fig.1
fig.1

Gli mancano le ruote, ma per il resto sembra la macchina  di  Doc, lo scenziato pazzoide  di " Ritorno al futuro 3" .... e per questo l'ho battezzata DOC.

E' una radio a reazione,dove, l'unica valvola svolge tre compiti:

l'amplificazione di radio frequenza, la rivelazione e l'amplificazione di bassa frequenza; è un vero portento...

Guardate lo schema di fig.2 ; è semplice ed essenziale.

fig.2
fig.2

sezione a radio frequenza

fig.3
fig.3

L'aereo e la bobina di sintonia, rappresentati in fig.3,  sono costruiti sul medesimo supporto cilindrico, fatto con 4  strati  incollati   di cartoncino, del diametro interno  Di di 9,5 cm ed esterno di 10 cm.

Su tale cilindro sono stati avvolte 10 spire serrate di filo di rame smaltato del dimetro di 0,5 mm  che costituiscono l'aereo e, separate da uno spazio di 5 mm, 20 spire serrate di rame smaltato dello stesso diametro che costituiscono la bobina di sintonia.

la bobina d'aereo ha una induttanza L1 pari a circa 22 μH  ; la bobina di sintonia un'induttanza L2 di  circa 80 μH .

Il circuito di sintonia costituito dalla bobina L2 e dal condensatore ad aria, variabile  fra 20 e 400 pF circa,  sintonizza, in teoria, frequenze fra  0,9 e 2,8 MHz.

La bobina di regolazione della reazione è stata realizzata su un supporto con le stesse caratteristiche costruttive del primo ma con le seguenti dimensioni:

de=6,8 cm ; S= 4 cm .

Il filo di rame smaltato usato per la sua realizzazione ha il diametro di 0,4 mm ed è costituita da 10 + 10  spire serrate; i 2  gruppi di 10 spire distano fra loro di 12 mm .

E' evidente  che d, che  è uguale a  RADQ( de2 + S2), affinchè il cilindro interno possa ruotare liberamente, debba essere minore o uguale a Di.

La bobina di reazione ha un' induttanza L2 di circa 68 μH.

Le induttanze e le condizione di sintonia sono state calcolate coi file ris.xlsx ed induttanza .xlsx 

calcolo delle condizioni di risonanza
Nella tabella sono poste in relazione C,L,f,λ , nel rispetto dell'uguaglianza, in condizioni di risonanza, della reattanza induttiva e di quella capacitiva 1/2πfC = 2πfLserrate.
ris.xlsx
Tabella Microsoft Excel 11.7 KB
calcolo dell'induttanza
Fissando i valori dell'induttanza desiderata e le dimensioni della bobina ottengo il diametro del filo da utilizzare ed il numero delle spire; trattasi di bobina ad un solo strato ed a spire serrate.
inds.xlsx
Tabella Microsoft Excel 37.5 KB

Il segnale sintonizzato  rivelato per caratteristica di griglia , si ritrova sulla placca della 6K7 ; seguiremo il suo percoreso nella sezione ad audio frequenza.

La radio frequenza residua che si trova amplificata sulla placca,  tramite l'induttanza "mobile"  L3 torna alla griglia della 6K7  in fase col segnale (reazione positiva). Il dosaggio della reazione è possibile grazie al fatto che la bobina L3 può ruotare all'interno del cilindro  su cui è avvolta la bobina di sintonia.

sezione ad audio frequenza

Il segnale rivelato che si trova sulla placca non incontra  alcun ostacolo da parte dell'induttanza L3 e prosegue il suo cammino verso la cuffia.
nel mio caso , non avendo una cuffia di impedenza adeguata ho dovuto utilizzare un trasformatore d'uscita.

alimentazione

Sebbene nello schema sia riportato un tipo di alimetazione classico, la radio non ne possiede uno autonomo.

Per la sua alimetazione utilizzo un alimentatore separato da me costruito.  

prove d'ascolto

Dopo una manciata di secondi dall'accensione e facilissimo sintonizzare RAI 1 che , in cuffia si sente forte e priva di qualsiasi disturbo; è invece dificile sintonizzare altre stazioni.

 

chassis e mobiletto

Per lo chassis ho utilizzato la carcassa di un vecchio alimentatore inservibile da me opportunamente adattato.

La parte metallica poggia su una base in legno di pino trovato in un cantuccio della mia legnaia.

 

galleria fotografica