Cabuzza

cu4 -radio a conversione di frequenza (supereterodina)

fig.1
fig.1

E' una supereterodina autocostruita (fig.1) utilizzando una bobina d'aereo CS.2 ed una bobina oscillatrice CS3 CORBETTA, acquistate su ebay insieme a due trasformatori di media frequenza da 467KHz.

fig.2
fig.2
fig.3
fig.3

Ho impiegato le seguenti valvole: una  6BE6 oscillatrice mescolatrice, una  6BA6 amplificatrice di media frequenza , una 6AV6 doppio diodo triodo rivelatrice e preamplificatrice ed una 6AQ5 finale di potenza; facevano parte di uno stock di valvole usate acquistato per pochi euro sempre su Ebay.

Lo schema è quello tipico di una supereterodina.

Esso  non presenta particolatrità di rilievo come si nota nello schema di fig.2.

In fig.3  sono indicati i valori dei condensatori e delle resistenze utilizzati.

La radio, per ora è priva di mobiletto, prima o poi lo realizzerò.

Di seguito sono descritte le varie sezioni dell'apparecchio.

sezione a radio frequenza

fig.4
fig.4

Il circuito d'aereo è costituito dall'antenna, una filare da 20 mt,e da un trasformatore variabile ad aria di sintonia da 40/400 pF.

Il trasformatore è una bobina CS2 Corbetta.

Il segnale sintonizzato viene iniettato nella terza griglia della 6BE6; nella prima griglia viene invece iniettato il segnale ad alta frequenza prodotto dall'oscillatore locale.

Nella placca della 6BE6 avrò fra le altre la frequenza a 467 KHz che costituisce la differenza fra la frequenza dell'onda sintonizzata e quella dell'onda prodotta dall'oscillatore locale.

Solo questa frequenza passerà attraverso le medie frequenze tarate appunto a 467 KHz (vedi  radio a conversione di frequenza).

Il  trasformatore a radio frequenza (CS3 Corbetta) è costituito da una bobina di reazione  e da una  di sintonia che, in parallelo con la  seconda sezione del condensatore variabile che ha le stesse caratteristiche della prima, forma l'oscillatore locale che produce, su tutta la scala di sintonia,  una radio frequenza sempre superiore  di 467 KHz  rispetto a quella sintonizzata.

sezione a frequenza intermedia

fig.5
fig.5

Nella placca della 6BE6 avrò, come sappiamo le seguenti frequenze:

Fl, Fa, 2Fl, 2Fa, Fl-Fa, Fl+Fa (vedi supereterodina).

Solo la frequenza  Fl-Fa    pari, come abbiamo già detto, a 467KHz,passerà attraverso i due trasformatori di media frequenza .

In particolare, dal secondario del primo trasformatore di media frequenza il segnale a 467KHz viene iniettato nella griglia di controllo della 6BA6,amplificatrice di media frequenza, che provvederà ad amplificarlo.

Il segnale a media frequenza amplificato dalla placca della 6BA6 attraverserà il secondo trasformatore di media frequenza, sempre tarato a 467KHz, e dal suo secondario passerà al  diodo rivelatore della 6AV6.

In azzurro è indicato il circuito del CAV ; la tensione continua negativa del CAV si ottiene dal diodo CAV della 6AV6.

rivelazione

fig.6
fig.6

Il circuito di rivelazione è semplice e non presenta alcuna particolarità rispetto al tipico circuito di rivelazione che incontriamo in molte supereterodine.

Alla rettifica del segnale a media frequenza provvede il diodo (piedino 6); il segnale rettificato si troverà nel circuito che collega a massa  l'estremo inferiore del secondario della seconda media frequenza da cui, tramite il potenziometro di volume ed il condensatore C12, verrà prelevato ed iniettato nella griglia di controllo della sezione triodo della 6AV6 per essere preamplificato.

 

sezione ad audio frequenza

fig.7
fig.7

Dopo la preamplificazione  il segnale, attraverso un condensatore C13, viene iniettato nella griglia di controllo della finale polarizzata a -8V in modo che la valvola funzioni in classe A dal gruppo di polarizzazione costituito dalla resistenza di R12 e dall'elettrolitico di C20 .

La variazione del segnale (tensione) in ampiezza determina una variazione della corrente anodica che, attraversando il primario del trasformatore d'uscita, induce, nel secondario dello stesso, una corrente amplificata del rapporto di trasformazione . 

Otteniamo dunque un segnale in corrente molto ampio che attraversando la bobina mobile dell'altoparlante fa vibrare il cono riproducendo il suono.

 Il trasformatore d'uscita ha la funzione di adattare l'impedenza della finale all'impedenza dell'altoparlante; infatti per avere la massima trasmissione della potenza occorre che la resistenza interna del generatore (valvola 6AQ5) sia uguale alla resistenza del carico (bobina mobile dell' altoparlante). 

Nel nostro caso l'impedenza della 6AQ5 è pari a  circa 10.000 Ω e quella dell'altoparlante a 4 Ω; quindi, ricordando che  in un trasformatore per bassa frequenza Z1 x i12=Z2 x i22 e  quindi Z1/Z2=n2 , dove n è il rapporto di trasformazione pari a i2/i1, per avere un buon adattamento di impedenza sarebbe opportuno utilizzare un trasformatore d'uscita con rapporto di trasformazione pari a circa RADQ(Z1/Z2)2= 50.

 

alimentazione

fig.8
fig.8

Ho utilizzato due trasformatori toroidali  montati come in fig.8, delle seguenti caratteristiche:

  1. il primo toroidale ha due secondari, uno da 6,3 V 1,5 A  e l'altro da 12 V 300mA;
  2. il secondo ha un secondario da 12V A 300 mA .

La tensione in uscita dal secondario del secondo toroidale viene raddrizzata a doppia semi onda da 4 diodi allo stato solido in configurazione "ponte di Graetz"; la corrente pulsante così ottenuta viene resa continua dal filtro a pi greco costituito da due elettrolitici da 22μF/600V e da una resistenza da 500Ω.

 

taratura ed allineamento

fig.9
fig.9

Per le operazioni di taratura delle medie frequenze e per l'allineamento occorre avere a disposizione un generatore di segnali ed un tester che vanno posizionati come mostrato in fig.9.

TARATURA MF

Per tarare le medie frequenze occorre  regolare i nuclei di ferrite dei trasformatori di media frequenza  a partire dal punto 1 a ritroso fino al punto 4 passando per i punti 2 e 3 fino ad ottenere la massima uscita in tensione misurata col tester posto come in fig.9, dopo aver posto  il condensatore variabile di sintonia a metà scala ed  il potenziometro di volume al minimo.

ALLINEAMENTO

Per poter eseguire l'allineamento, cioè  mantenere costante la media frequenza in tutta la scala, occorre:

  1. agire sul trimer in parallelo al condensatore di sintonia fino ad ottenere la massima uscita in tensione misurata col tester posizionato come  in fig.9, dopo aver posto il condensatore variabile di sintonia nella posizione di  tutto aperto (frequenze alte);
  2. agire sul nucleo della bobina d'aereo e dell'oscillatore locale fino ad ottenete la massima uscita in tensione misurata col tester posizionato come in fig.9, dopo aver posto il condensatore variabile di sintonia in posizione di tutto chiuso (frequenze basse).

L'operazione va ripetuta più volte verificando che la media frequenza di 467KHz si mantenga costante in tutta la scala.

 

prove d'ascolto

Dopo aver eseguito la taratura e l'allineamento la radio riesce a sintonizzare le onde medie con continuità in tutta la scala.

il suono è forte e gradevole.

galleria fotografica