Alimentatore 2

fig.1
fig.1

Lo schema è simile a quello di Alimentatore 1.

E' stato utilizzato un trasformatore con 3 secondari:

  • il primo con presa intermedia  con tensioni come in fig.1;
  • il secondo da 6,3V;
  • il terzo da 5 V.

La presa intermedia nel primario permette di prelevare una tensione da 12 V che viene raddrizzata e stabilizzata .

Per quanto riguarda il primo secondario la tensione dei 315 V oppure di 63o V , a seconda della posizione di un selezionatore,, viene  rettificata da un ponte di diodi e poi applicata ad un BU205 , transistore di potenza per alta tensione,  la cui base è pilotata da un  partitore di tensione  costituito da due resistori di 13 KΩ e da un potenziometro di 470 KΩ  la cui regolazione determina il valore della tensione in uscita. 

E' stato inserito un carico di 91 KΩ che permette di scaricare gli elettrolitici allo spegnimento dell'alimentatore.

Per quanto riguarda il funzionamento della rettifica e stabilizzazione , ottenuta tramite l'integrato LM317, della tensione (12V) prelevata dalla presa intermedia del primario si rimanda al punto in cui si parla degli  stabilizzatori di tensione.

 

galleria fotografica