amplificatore push-pull

In fig. 1 è rappresentato un amplificatore push pull.

la prima parte, costituita dal doppio triodo ECL82 è del tutto simile a quella dell'amplificatore single ended  da me già costruito e perfettamente funzionante.

Il doppio triodo provvede ad amplificare il segnale in ingresso che poi passerà allo stadio finale costituito da una sezione di un doppio triodo ecc81 che funge da invertitore di fase  e da due finali EL84 in controfase..

 

fig.1
fig.1

alimentazione.

Per l'alimentazione ho impiegato un toroidale con un primario 220 e due secondari, uno da 200 V 0,15A per l'anodica  e l'altro da 6,3 V 2A per i filamenti..

La cc anodica è ottenuta grazie ad un ponte di diodi ( 4 diodi IN5408) ; il filtro è costituito da una resistenza da 1000Ω e da due elettrolitici ,il primo da 47μF ed il secondo da 22  μF .

La tensione continua in uscita, con ripple limitato, ha un valore di circa 210 V, 

Il filtro è indicato in fig.1a; per il calcolo del ripple vedasi "Alimentazione".


preamplificazione

primo triodo

fig.2
fig.2


Per lo studio della pre-amplificazione non ho seguito il metodo usato per il single ended

ma un metodo grafico approssimato.

Il punto di lavoro (V=128V ; ia=10mA) scelto per il primo triodo è indicato in fig.2 .

Il rettangolo evidenziato ha la base  che si estende da 105 a 150 V  (in totale 45 V, basta contare i quadrattini del rettangolo) che rappresenta la variazione della tensione di placca per una variazione della tensione di griglia fra 0 e -4V.

L'amplificazione è uguale al rapporto fra tale escursione (45v) e quella della tensione di griglia (4V); è pari cioè a 45/4= 11,25

La resistenza di carico Rc è pari al rapporto fra l'escursione della tensione di placca (45V) e la variazione che la corrente di placca subisce passando la tensione di griglia dal valore 0V al valore -4V. 

Facendo i calcoli si ottiene Rc= 8.560Ω..

la polarizzazione di griglia è ottenuta grazie all'inserimento della resistenza di catodo RK= 2/0,010 = 200Ω.

I risultati ottenuti sono molto simili a quelli che avrei trovato utilizzando il metodo adottato per il single ended.

secondo triodo

fig.3
fig.3

 

 per il secondo triodo il procedimento è identico, varia solamente il punto di lavoro come si nota in fig.3.

Si ottine:

Rc= 8560Ω

Rk= 1100Ω

l'amplificazione è pari a 30/4= 7,5.  

La pre-amplificazione complessiva ò pari a 11,25 x 7,5 ≈ 84.

Inversione di fase

Come invertitore di fase ho utilizzato una sezione del doppio triodo ECC81.

Ho utilizzato il metodo a fase splitter (fig.4).

fig.4
fig.4

Il segnale viene iniettato nella griglia 2; nel catodo avrò un segnale di poco più piccolo ed in fase.

Poiché non c'è un condensatore di catodo si avrà una contro reazione che porterà il segnale di griglia quasi a zero.

il piccolissimo segnale presente in griglia è sufficiente per far funzionare la valvola nella quale scorrerà una corrente che farà cadere la tensione nella resistenza di placca; la stessa caduta di tensione di avrà nella resistenza di catodo (le due resistenze sono uguali).

queste cadute di tensione altro non sono che il segnale in uscita che non risulta amplificato.

Il segnale prelevato dall'anodo sarà sfasato di 180 gradi rispetto a quello prelevato dal catodo.

Abbiamo ottenuto due segnali invertiti di fase.

E' evidente che perché il tutto funzioni occorre che la griglia 2 sia polarizzata negativamente. (-1................-3V) a ciò provvede la resistenza che in fig. 4 è posta pari a 200Ω.

amplificazione finale

Le due valvole in controfase possono lavorare in classe A (è il nostro caso) o in classe B.

del funzionamento delle due classi ho già parlato..